prossimo
precedente
voci

Articoli

Cambia la lingua
Articoli
Menu
Sforzi congiunti per una migliore conoscenza del trasporto e dell’ambiente marittimo

L’Agenzia Europea dell’Ambiente (AEA) e l’Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (EMSA) hanno recentemente pubblicato la Relazione sull’Impatto Ambientale del Trasporto Marittimo Europeo (EMTER), una valutazione congiunta sugli impatti ambientali del trasporto marittimo in Europa. Abbiamo intervistato Stéphane Isoard, capogruppo dell’unita’ dedicata ai temi dell’acqua e dell’ambiente marino dell’AEA, che ha coordinato il team che si è occupato della relazione.

Continua

Città sostenibili: trasformare i paesaggi urbani europei

Dalla neutralità delle di carbonio all’economia circolare, dall’aria più pulita ai trasporti più puliti, l’Europa ha fissato obiettivi ambientali e climatici ambiziosi. Le città, dove vive la grande maggioranza degli europei, devono svolgere un ruolo decisivo nel raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità dell’Europa. La domanda è: in che modo le città possono diventare sostenibili?

Continua

Vivere in uno stato di molteplici crisi: salute, natura, clima, economia, o semplicemente insostenibilità sistemica?

Dagli ambienti politici alle piattaforme accademiche, il mondo discute delle crisi globali: una crisi sanitaria, una crisi economica e finanziaria, una crisi climatica e una crisi degli ambienti naturali. In definitiva, tutte rappresentano sintomi dello stesso problema: l’insostenibilità della nostra produzione e dei nostri consumi. Lo shock provocato dalla COVID-19 ha soltanto rivelato la fragilità sistemica della nostra economia e società globale, con tutte le loro disuguaglianze.

Continua

Migliorare le prestazioni ambientali nelle organizzazioni

Oltre a fornire informazioni affidabili sull’ambiente e sul clima, l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) si adopera, come organizzazione, per migliorare le proprie prestazioni ambientali. Abbiamo intervistato Melanie Sporer, che coordina tali sforzi presso l’AEA nel quadro del sistema dell’UE di ecogestione e audit (EMAS).

Continua

Plasmare l’Europa del 2050: più sana, più pulita e più resiliente

Dopo un anno di convivenza con la COVID-19 e i suoi effetti, l’Europa continua a proporre pacchetti di politiche per il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi delineati nel Green Deal europeo. È essenziale che l’Europa mantenga la rotta verso i suoi traguardi e assicuri di costruire, entro il 2050, una società resiliente basata sulla solidarietà, in grado di offrire a tutti un ambiente sano.

Continua

In che modo le città europee si stanno adattando ai cambiamenti climatici e stanno lavorando per un futuro sostenibile?

Adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici è una priorità assoluta per l’Unione europea. Cosa spinge le città ad adottare misure incisive per mitigare tali effetti e rendere i centri urbani più resilienti e sostenibili? Abbiamo incontrato Ivone Pereira Martins, esperta dell’AEA in sostenibilità urbana, per parlare del contributo dell’Agenzia a questo compito di vitale importanza.

Continua

Garantire acque pulite per le persone e per la natura

L’acqua copre oltre il 70 % della superficie terrestre ed è essenziale per tutte le forme di vita del nostro pianeta. Di tutta l’acqua della superficie terrestre, il 96,5 % è contenuto negli oceani sotto forma di acqua salata, mentre il restante 3,5 % è costituito da acqua dolce (laghi, fiumi, falde acquifere e ghiaccio). Per il benessere delle persone e della natura è indispensabile una buona gestione di questa risorsa limitata e preziosa.

Continua

Inquinamento del suolo e del territorio: diffuso, dannoso e crescente

Cosa hanno in comune molti vigneti sparsi in paesaggi idilliaci, siti industriali e discariche? La risposta potrebbe essere la presenza di sostanze chimiche. Dai metalli pesanti agli inquinanti organici e alle microplastiche, il suolo in cui coltiviamo i nostri prodotti alimentari e il territorio su cui costruiamo le nostre case potrebbero essere contaminati da diversi inquinanti. I contaminanti sono diffusi e si stanno accumulando nei territori e nei suoli europei. Come possiamo affrontare questo problema?

Continua

Una più elevata qualità dell’aria migliora la salute e la produttività delle persone

Negli ultimi decenni la qualità dell’aria in Europa è notevolmente migliorata, ma gli inquinanti continuano a danneggiare la nostra salute e l’ambiente. Le misure volte a limitare l’inquinamento contribuirebbero a migliorare la nostra qualità di vita, a risparmiare denaro nell’assistenza sanitaria, a incrementare la produttività dei lavoratori e a proteggere l’ambiente.

Continua

Intervista - Affrontare i rischi ambientali per la salute

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), in Europa l’inquinamento provoca 1,4 milioni di decessi evitabili all’anno, ma la situazione sta migliorando e il Green Deal europeo potrebbe rappresentare l’occasione per fare un balzo in avanti verso la sostenibilità. Abbiamo parlato di inquinamento e di salute con Francesca Racioppi, capo del Centro europeo per l’ambiente e la salute dell’OMS.

Continua

La sfida per ridurre l’inquinamento industriale

L’inquinamento industriale in Europa sta diminuendo grazie a una combinazione di normative e sviluppi nelle iniziative manifatturiere e ambientali. Tuttavia, l’industria continua a inquinare e la transizione verso l’inquinamento zero in questo settore è una sfida ambiziosa.

Continua

Vivere in modo sano in un mondo chimico

Possiamo classificare l’inquinamento in base al comparto in cui lo troviamo (nel suolo, nell’acqua o nell’aria) o possiamo esaminare diversi tipi di inquinamento, come le sostanze chimiche. Siamo circondati da sostanze chimiche sintetiche, alcune delle quali, tuttavia, possono anche essere molto dannose per la nostra salute e per l’ambiente. Come possiamo limitare gli effetti negativi delle sostanze chimiche che sono diventate parte del nostro attuale stile di vita?

Continua

Intervista - Chi inquina paga?

Al centro della legislazione ambientale dell’UE c’è un’idea semplice ma potente: il principio «chi inquina paga». Tale principio è stato applicato sotto forma di imposte, ammende e altre misure, come le quote per emissioni inquinanti e la direttiva sulla responsabilità ambientale. Abbiamo parlato con il professor Geert Van Calster di questo principio, dei suoi vantaggi e svantaggi.

Continua

Verso un’Europa a inquinamento zero

La scorsa primavera, in poche settimane, un coronavirus ha dato una nuova forma all’assetto mondiale. All’improvviso, molte delle cose che avevamo dato per scontate, non sono state più accessibili. La pandemia ha colto il mondo di sorpresa, ma se interpellassimo a tal riguardo uno scienziato che lavora in un settore connesso alle malattie infettive, direbbe che era solo una questione di tempo.

Continua

L’inquinamento acustico è ancora diffuso in tutta Europa, ma esistono diversi modi per abbassare il volume

Molti di noi sono sempre più esposti al rumore nella nostra vita quotidiana. Le automobili ad alta rumorosità in strada, un aereo che vola a bassa quota o un treno nelle vicinanze spesso causano fastidio e frustrazione. Tuttavia, il loro impatto sulla nostra salute e sull’ambiente potrebbe essere molto peggiore di quanto si pensi.

Continua

Salute e ambiente, compreso l’inquinamento atmosferico e acustico — Mettere sotto i riflettori il lavoro dell’AEA

L’inquinamento atmosferico, l’inquinamento acustico e le ripercussioni dei cambiamenti climatici rappresentano rischi principali per la salute e il benessere quotidiano degli europei. Abbiamo parlato con Catherine Ganzleben, responsabile del gruppo “Inquinamento atmosferico, ambiente e salute”, Alberto González, esperto in qualità dell’aria dell’AEA, ed Eulalia Peris, esperta in inquinamento acustico dell’AEA, per saperne di più su cosa sta facendo l’AEA per migliorare le conoscenze in questo importante campo di ricerca.

Continua

Strategia AEA-Eionet 2021-2030: fornire dati e conoscenze per realizzare le ambizioni dell’Europa in materia di clima e ambiente

La nostra strategia comune ci indica la direzione di marcia. Introduce una nuova modalità di collaborare e di creare conoscenze, più duttile, più proattiva, attiva e reattiva e più applicabile, adeguata alle sfide che dovremo affrontare e alle conoscenze di cui avremo bisogno nel prossimo decennio.

Continua

Quanto sono ecologici i nuovi prodotti in plastica biodegradabile, compostabile e a base biologica che stanno diventando di uso comune?

È risaputo che l’inquinamento da plastica ed i rifiuti di plastica rappresentano un grave problema ambientale. Negli ultimi anni sono stati introdotti sul mercato nuovi prodotti in plastica che sarebbero migliori per l’ambiente. Una recente nota informativa pubblicata dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) ne valuta l'impatto ambientale. Per saperne di più ci siamo rivolti ad Almut Reichel, esperta dell’AEA nel campo dell’uso sostenibile delle risorse e dei rifiuti.

Continua

Verso l’Europa del 2030, per una natura resiliente, un’economia sostenibile e la salute dei cittadini

La pandemia di COVID-19 è un chiaro esempio di quanto possano essere fragili le nostre società ed economie davanti a uno choc vigoroso. Oltre a ciò, si prevede che il degrado ambientale e i cambiamenti climatici aumenteranno la frequenza e la gravità di questi avvenimenti sconvolgenti. Di fronte all’incertezza e a sfide di vario tipo, l’unica strada percorribile consiste nel garantire che ogni decisione presa in questo periodo critico ci avvicini ai nostri obiettivi sociali e di sostenibilità.

Continua

Le analisi prospettiche come strumento per comprendere meglio le valutazioni di sostenibilità

L’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) ha pubblicato di recente un rapporto sui fattori di cambiamento in grado di influenzare le prospettive ambientali e di sostenibilità dell’Europa. Abbiamo intervistato Lorenzo Benini, responsabile del progetto, che lavora all’AEA in qualità di esperto della valutazione della sostenibilità dei sistemi.

Continua

Permalinks

Azioni del documento