prossimo
precedente
voci

Notizie

L’aria più pulita avrebbe potuto salvare almeno 178 000 vite in tutta l’UE nel 2019

Cambia la lingua
Notizie Pubblicato 10/12/2021 Ultima modifica 01/03/2022
5 min read
Photo: © Sam Schooler on Unsplash
L’inquinamento atmosferico ha continuato a causare un numero significativo di decessi prematuri e malattie in Europa nel 2019. Un’analisi dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) mostra che il miglioramento della qualità dell’aria ai livelli recentemente raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) potrebbe prevenire oltre la metà dei decessi prematuri causati dall’esposizione al particolato fine.

La nota informativa dell’AEA «Health impacts of air pollution in Europe» (Impatti dell’inquinamento atmosferico sulla salute in Europa) presenta stime aggiornate su come tre inquinanti principali, particolato fine, biossido di azoto, ozono troposferico, hanno inciso sulla salute dei cittadini europei nel 2019. La presente nota informativa valuta inoltre i potenziali benefici di miglioramento della qualità dell’aria rispetto ai nuovi valori orientativi consigliati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Inoltre, la nota informativa misura i progressi verso il piano d’azione dell’UE per l’inquinamento zero di ridurre di più del 55 % entro il 2030 il numero di decessi prematuri dovuti all’esposizione al particolato fine.

  • Secondo le stime più recenti dell’AEA, 307 000 persone sono decedute prematuramente a causa dell’esposizione all’inquinamento da particolato fine nell’UE nel 2019[1]. Si sarebbe potuto evitare almeno il 58% di questi decessi, ossia 178 000 persone se tutti gli Stati membri dell’UE avessero raggiunto il nuovo livello orientativo di 5 µg/m3.
  • La qualità dell’aria in Europa era migliore nel 2019 che nel 2018, il che ha comportato anche un minor impatto negativo sulla salute. Il calo dell’inquinamento segue una tendenza a lungo termine, guidata da politiche volte a ridurre le emissioni e migliorare la qualità dell’aria.
  • Nel quadro del Green Deal europeo, il piano d’azione dell’UE per l’inquinamento zero stabilisce l’obiettivo di ridurre il numero di decessi prematuri a causa del particolato fine di più del 55 % entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Secondo l’analisi dell’AEA, l’UE è attualmente sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo, dal momento che il numero di tali decessi è diminuito di circa un terzo dal 2005 al 2019.

 

«Investire in un riscaldamento domestico, in una mobilità, in un’agricoltura e in un’industria più pulite consente di migliorare la salute, la produttività e la qualità della vita di tutti gli europei, e in particolare dei più vulnerabili. Questi investimenti salvano vite e contribuiscono anche ad accelerare il progresso verso la neutralità in termini di emissioni di carbonio e una forte biodiversità», ha affermato Hans Bruyninckx, direttore esecutivo dell’AEA.

«Il diritto di respirare aria pulita dovrebbe essere un diritto umano fondamentale. È una condizione necessaria per società sane e produttive. Nonostante i miglioramenti nella qualità dell’aria riscontratisi in passato nella nostra regione, dobbiamo ancora percorrere ancora molta strada prima di raggiungere i livelli indicati nei nuovi orientamenti dell’OMS sulla qualità globale dell’aria», ha affermato il direttore regionale dell’OMS per l’Europa, dott. Hans Henri P. Kluge. «All’OMS, apprezziamo il lavoro svolto dall’AEA, che mostra tutte le vite che potrebbero essere salvate se si raggiungessero i nuovi livelli di qualità dell’aria, fornendo ai responsabili politici solide prove dell’urgente necessità di affrontare quest’onere sanitario”.

La pubblicazione della nota informativa dell’AEA ha preceduto l’EU Clean Air Forum (forum europeo «Aria pulita») che ha avuto luogo il 18 e il 19 novembre 2021. Il forum ha riunito decisori, parti interessate ed esperti che riflettono sullo sviluppo e sull’attuazione di efficaci politiche, progetti e programmi europei, nazionali e locali, e di informare sulla revisione in corso delle norme dell’UE, compreso il loro più stretto allineamento con gli orientamenti dell’OMS in materia di qualità dell’aria

Contesto

L’inquinamento atmosferico rappresenta una delle principali cause di decesso prematuro e di malattia e costituisce il più grave rischio sanitario ambientale in Europa. Le malattie cardiovascolari e l’ictus sono le cause più comuni di decesso prematuro attribuibili all’inquinamento atmosferico, seguite da malattie polmonari e cancro ai polmoni.

Le direttive dell’UE sulla qualità dell’aria ambiente stabiliscono le norme per i principali inquinanti atmosferici. Tali valori prendono in considerazione gli orientamenti dell’OMS del 2005 oltre alle considerazioni di fattibilità tecnica ed economica al momento della loro adozione.

I dati dell’AEA, pubblicati all’inizio di quest’autunno, hanno mostrato che i livelli d’inquinamento dell’aria rimangono al di sopra dei limiti legali dell’UE nella maggior parte dei paesi europei.

L’OMS ha recentemente stabilito nuovi orientamenti globali sulla qualità dell’aria a tutela della salute pubblica. Questi orientamenti sono basati su un riesame sistemico delle migliori prove scientifiche disponibili sull’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana, che mostrano che l’inquinamento atmosferico danneggia la salute umana a concentrazioni ben inferiori di quelle precedentemente ipotizzate.

Le norme dell’UE in materia di qualità dell’aria sono uno strumento politico fondamentale e un maggiore allineamento di queste ultime con le raccomandazioni dell’UE costituirebbe un importante passo verso un’aria più pulita per l’Europa, in abbinamento al miglioramento delle politiche volte a ridurre l’inquinamento alla fonte.

La valutazione dei potenziali benefici da parte dell’AEA presuppone uno scenario in cui tutti i settori dell’UE-27, che nel 2019 erano più restrittivi degli orientamenti sulla qualità dell’aria dell’OMS per il particolato fine, avrebbero raggiunto il livello di tale orientamento, mentre tutti gli altri settori avrebbero mantenuto le concentrazioni mantenute nel 2019. Questo scenario e le stime corrispondenti rappresentano pertanto i benefici minimi potenziali derivanti dal miglioramento della qualità dell’aria, con probabili riduzioni nei decessi prematuri che potrebbero anche verificarsi in settori in cui gli orientamenti sono già stati raggiunti, potrebbero anche beneficiare di aria più pulita nelle zone circostanti.

L’analisi dell’AEA relativa agli impatti sulla salute nel 2019 è stata realizzata utilizzando le funzioni concentrazione-risposta raccomandate dall’OMS nel 2013 per mantenersi in linea con le stime degli anni precedenti elaborate dall’AEA. A partire dall’anno prossimo l’AEA prevede tuttavia di allineare pienamente la propria analisi ai nuovi orientamenti globali dell’OMS sulla qualità dell’aria.

Fonti principali

L’indice europeo della qualità dell’aria mostra dati quasi in tempo reale sulla qualità dell’aria per l’Europa, permettendo agli utenti di controllare la qualità dell’aria a livello locale, dove vivono o dove viaggiano.

Il visualizzatore della qualità dell’aria delle città europee confronta i valori medi del particolato fine in 323 città europee nel corso degli ultimi due anni..

Il visualizzatore nazionale dei dati sulle emissioni di inquinanti atmosferici fornisce accesso ai più recenti dati in materia di emissione di inquinanti atmosferici comunicati dagli Stati membri dell’UE ai sensi della direttiva sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni.

Il centro dati sull’inquinamento atmosferico offre accesso a tutti i dati pertinenti dell’AEA sull’inquinamento atmosferico in Europa

Air pollution: how it affects our health (Incidenza dell’inquinamento atmosferico sulla salute) mostra il modo in cui l’esposizione al particolato fine contribuisce a malattie e decessi prematuri in Europa e come tale carico è distribuito nella società europea.

[1] Contrariamente a precedenti valutazioni, questo dato non comprende il Regno Unito.

Permalinks

Geographic coverage

Temporal coverage

Azioni del documento