Strumenti personali

Notifiche
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Frequenza: 3-4 e-mail al mese.
Abbonamenti
Registrati per ricevere le nostre relazioni (in formato cartaceo e/o elettronico) e la nostra newsletter elettronica trimestrale.
Seguiteci
Twitter icon Twitter
Icona Facebook Facebook
Icona YouTube Canale YouTube
RSS logo RSS Feeds
Maggiori informazioni

Write to us Write to us

For the public:


For media and journalists:

Contact EEA staff
Contact the web team
FAQ

Call us Call us

Reception:

Phone: (+45) 33 36 71 00
Fax: (+45) 33 36 71 99


prossimo
precedente
voci

Vai ai contenuti | Vai alla navigazione

Sound and independent information
on the environment

Tu sei qui: Home / Temi / Energia / Energia

Energia

Cambia la lingua
Fondamentale per la generazione di ricchezza industriale, commerciale e sociale, l'energia assicura anche comodità e mobilità alle persone. D'altro canto, la produzione e il consumo di energia esercitano pressioni considerevoli sull'ambiente: emissioni di gas a effetto serra e d’inquinanti atmosferici, sfruttamento del suolo, produzione di rifiuti e fuoriuscite d’idrocarburi. Tali pressioni contribuiscono al cambiamento climatico, danneggiano gli ecosistemi naturali e l'ambiente antropico e provocano effetti negativi sulla salute umana.

Molte attività umane richiedono la combustione di combustibili fossili, responsabile dell'aumento delle concentrazioni di anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera, all'origine del cambiamento climatico, nonché del rialzo delle temperature medie globali. A livello mondiale, la domanda di energia è in aumento, rafforzando così la tendenza all'aumento delle emissioni di CO2.

La maggior parte dei paesi fa ricorso ai combustibili fossili (petrolio, gas e carbone) per soddisfare la propria domanda di energia. La combustione di tali combustibili rilascia calore, che può essere convertito in energia. Durante il processo, il carbonio contenuto nel combustibile reagisce con l'ossigeno, producendo CO2 che viene rilasciata nell'atmosfera. Vengono rilasciati anche inquinanti atmosferici (diossido di zolfo, ossidi di azoto e particolato), con conseguenti effetti sulla qualità dell'aria. Tuttavia, grazie a provvedimenti tecnici e alle migliorie nelle centrali elettriche e termiche, le emissioni d’inquinanti atmosferici sono calate negli ultimi decenni.

Il picco del consumo energetico in Europa si è registrato nel 2006; nel 2010 era diminuito di quasi il 4%. Parte di tale riduzione può trovare spiegazione nella crisi economica, ma ha contribuito anche un moderato disaccoppiamento dell'attività economica rispetto al consumo energetico.

I combustibili fossili continuano a dominare il mix di combustibili: circa il 77% del fabbisogno energetico del cittadino europeo medio è soddisfatto da petrolio, gas e carbone. L'energia nucleare fornisce il 14%, mentre il restante 9% proviene da fonti energetiche rinnovabili. Tuttavia, l'energia rinnovabile è in rapida crescita; nel 2010, i sistemi fotovoltaici solari costituivano la principale fonte della nuova capacità installata, mentre il gas e l'eolico si classificavano rispettivamente al secondo e terzo posto. Nel nucleare, la capacità smantellata era di gran lunga superiore rispetto a quella installata.

Il cittadino europeo medio consuma 27 megawattora (MWh) l'anno, incluse tutte le fonti domestiche, industriali e relative al trasporto. Tale quantitativo varia notevolmente da un paese all'altro, così come le emissioni di CO2 associate, che dipendono fortemente dalla penetrazione dell'energia rinnovabile e nucleare. I trasporti, il settore a consumo energetico in più rapida crescita dal 1990, rappresentano attualmente il maggiore consumatore di energia.

Politiche UE

L'energia è sempre più una priorità politica; costituisce uno dei cinque principali ambiti di sviluppo su cui punta la strategia Europa 2020 nel raggiungimento degli obiettivi fissati per:

  • portare al 20% il consumo energetico dell'Europa proveniente dall'energia rinnovabile;
  • aumentare del 20% l'efficienza energetica.

Oltre agli obiettivi specifici della strategia energetica 2020, altri settori di interesse sono oggetto di svariate politiche, sintetizzate nel sito web della Commissione europea. Tali politiche includono:

  • migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento;
  • garantire la competitività dell'economia europea e la disponibilità di energia a prezzi accessibili;
  • promuovere lo sviluppo di un mercato interno dell'energia competitivo;
  • definire livelli minimi di tassazione dell'energia.

Attività dell'AEA

Una delle attività principali dell'AEA nel campo dell'energia consiste nel monitorare l'integrazione degli aspetti ambientali nel settore energetico. Una serie di indicatori energia-ambiente viene aggiornata e pubblicata annualmente. L'AEA pubblica inoltre valutazioni delle pressioni e dei benefici ambientali attesi dalle diverse fonti di energia rinnovabile.

Gli indicatori energia-ambiente ruotano attorno a sei domande strategiche:

  • Il consumo e la produzione di energia hanno attualmente un impatto minore sull'ambiente?
  • Il consumo di energia sta calando?
  • Quanto rapidamente aumenta l'efficienza energetica?
  • È in atto un passaggio a combustibili meno inquinanti?
  • Quanto rapidamente si stanno attuando le tecnologie a energia rinnovabile?
  • I costi ambientali vengono incorporati meglio nel sistema di determinazione dei prezzi?

Gli indicatori sono inoltre importanti per:

  • monitorare la strategia dell'UE per lo sviluppo sostenibile;
  • redigere la relazione sull'inventario dei gas a effetto serra dell'Unione europea per la convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC);
  • riferire in merito alle tendenze e proiezioni sulle emissioni di gas a effetto serra in Europa in base al protocollo di Kyoto.

L'AEA svolge inoltre valutazioni delle pressioni e dei benefici ambientali che si attendono da una quota crescente di energia rinnovabile rispetto alla produzione totale di energia. Ciò include:

Geographical coverage

[+] Show Map

Azioni del documento

Commenti

Registrati subito
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Attualmente disponiamo di 33176 abbonati. Frequenza: 3-4 mail al mese.
Notifiche d'archivio
Seguiteci
 
 
 
 
 
Agenzia europea dell'ambiente (AEA)
Kongens Nytorv 6
1050 Copenaghen K
Danimarca
Telefono: +45 3336 7100