Strumenti personali

Notifiche
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Frequenza: 3-4 e-mail al mese.
Abbonamenti
Registrati per ricevere le nostre relazioni (in formato cartaceo e/o elettronico) e la nostra newsletter elettronica trimestrale.
Seguiteci
Twitter icon Twitter
Icona Facebook Facebook
Icona YouTube Canale YouTube
RSS logo RSS Feeds
Maggiori informazioni

Write to us Write to us

For the public:


For media and journalists:

Contact EEA staff
Contact the web team
FAQ

Call us Call us

Reception:

Phone: (+45) 33 36 71 00
Fax: (+45) 33 36 71 99


prossimo
precedente
voci

Vai ai contenuti | Vai alla navigazione

Sound and independent information
on the environment

Un nuovo assetto globale

Cambia la lingua
Il potere globale sta spostando il proprio centro. Nessuna superpotenza detiene più il controllo e i blocchi di potere regionali assumono sempre più importanza, sia dal punto di vista economico che diplomatico. Mentre l’interdipendenza e il commercio globali si espandono, l’Europa riuscirà a trarne vantaggio solo se saprà rafforzare l’uso efficiente delle risorse e l’economia basata sulla conoscenza. I futuri spostamenti del potere economico possono significare che in futuro l’UE eserciterà un’influenza minore a livello globale. Considerando gli attuali gambiamenti nei meccanismi di governance globale, la definizione delle politiche destinate a rappresentare con efficacia gli interessi europei sulla scena internazionale costituirà una crescente sfida.

Perché è importante questo spostamento del potere globale?

Quando i paesi si sviluppano in modo relativamente rapido, spesso acquistano potere economico in seguito all’ampliamento dei loro mercati di produzione e dei loro consumi. Questo potere può essere esercitato nei negoziati internazionali relativi a questioni economiche (concernenti, ad esempio, gli ostacoli al commercio e le norme sui prodotti), ma anche in altri ambiti, come quello dei negoziati ambientali.

Le risorse che alimentano le economie nazionali condizionano anche l’equilibrio internazionale dei poteri. Il possesso di risorse essenziali può migliorare ulteriormente la competitività e l’influenza delle economie emergenti, in particolare a causa della distribuzione non uniforme delle risorse a livello globale. Si stima, ad esempio, che oltre la metà dello stock mondiale di litio, metallo essenziale al giorno d’oggi per i veicoli ibridi e totalmente elettrici, sia situato in Bolivia.

L’uso globale del neodymium, un materiale essenziale per molte tecnologie laser di punta, dovrebbe quadruplicarsi nell’arco dei prossimi 30 anni. L’elemento è presente in grandi quantità soltanto in Cina e, pertanto, lo sviluppo delle industrie collegate dipenderà quasi totalmente da questo paese e dalla sua capacità di produzione. Sia per gli Stati che possiedono tali risorse, sia per le economie che si affidano alle importazioni, le conseguenze saranno notevoli.

Grafico 1 – Materie prime selezionate

Perché per l’Europa è importante una maggiore concorrenza globale per le risorse? L’accesso alle risorse naturali è un fattore fondamentale per la produzione europea. L’Europa è relativamente povera di risorse e deve importarne molte per soddisfare le proprie esigenze.

Per ulteriori informazioni, consultare «Megatendenze globali: un’accresciuta concorrenza globale per le risorse», http://www.eea.europa.eu/soer/europe-and- the-world/megatrends

Grafico 1 – Materie prime selezionate

Geographical coverage

[+] Show Map

Azioni del documento

Commenti

Registrati subito
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Attualmente disponiamo di 33144 abbonati. Frequenza: 3-4 mail al mese.
Notifiche d'archivio
Seguiteci
 
 
 
 
 
Agenzia europea dell'ambiente (AEA)
Kongens Nytorv 6
1050 Copenaghen K
Danimarca
Telefono: +45 3336 7100