Strumenti personali

Notifiche
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Frequenza: 3-4 e-mail al mese.
Abbonamenti
Registrati per ricevere le nostre relazioni (in formato cartaceo e/o elettronico) e la nostra newsletter elettronica trimestrale.
Seguiteci
Twitter icon Twitter
Icona Facebook Facebook
Icona YouTube Canale YouTube
RSS logo RSS Feeds
Maggiori informazioni

Write to us Write to us

For the public:


For media and journalists:

Contact EEA staff
Contact the web team
FAQ

Call us Call us

Reception:

Phone: (+45) 33 36 71 00
Fax: (+45) 33 36 71 99


prossimo
precedente
voci

Vai ai contenuti | Vai alla navigazione

Sound and independent information
on the environment

Tu sei qui: Home / Segnali – Benessere e ambiente / Segnali 2011 / La Terra nel 2050: megatendenza globale / Cambiamento dei modelli patologici

Cambiamento dei modelli patologici

Cambia la lingua
La possibilità di essere esposti a nuove malattie emergenti e riemergenti, a incidenti e a nuove pandemie aumenta con la maggiore mobilità delle persone e delle merci, con il cambiamento climatico e con la povertà.

La salute è fondamentale per lo sviluppo umano e l’ambiente è considerato sempre più come un fattore chiave per la salute umana. A livello globale, negli ultimi decenni la salute è migliorata, andando di pari passo con un’aspettativa di vita più lunga. Tuttavia, il carico di malattia non è distribuito equamente fra la popolazione, poiché varia, ad esempio, in base al genere e allo status sociale ed economico.

Nei prossimi 50 anni, le megatendenze globali della salute continueranno a influire direttamente e indirettamente sui decisori politici, in particolare stimolando gli investimenti per prepararsi alle malattie e alle pandemie emergenti.

Perché sono importanti modelli sanitari globali?

E’ possibile che gli impatti sulla natura siano diretti. I rischi di esposizione a nuove malattie emergenti e riemergenti, a incidenti e a nuove pandemie aumentano con la globalizzazione (ad esempio attraverso i viaggi e il commercio), le dinamiche demografiche (quali l’immigrazione e l’invecchiamento) e la povertà.

Anche la crescente resistenza agli antibiotici e ad altri farmaci e il mancato trattamento di un numero così elevato di malattie tropicali destano preoccupazioni sia nei paesi industrializzati sia in quelli in via di sviluppo.

La tecnologia può svolgere un ruolo importante nel sostenere miglioramenti in ambito sanitario e può favorire il monitoraggio spaziale di modelli sanitari, consentendo la mappatura e l’analisi di quadri patologici geografici precedentemente trascurati.

Grafico 2 — Salute, la malaria entro il 2050

Il Plasmodium falciparum è un parassita trasmesso dalle zanzare che provoca l’insorgere della malaria fra gli esseri umani. Il cambiamento climatico e le condizioni di utilizzo del suolo potrebbero consentire alla zanzara di diffondersi in nuove zone, portando con sé la malaria. Tuttavia, la zanzara potrebbe anche scomparire nelle zone in cui esiste attualmente. Le zone di comparsa e di scomparsa sono quasi uguali e contano quasi lo stesso numero di abitanti (che ammonta a circa 400 milioni in ciascuna di esse).

Grafico 2 — Salute; la malaria entro il 2050

Geographical coverage

[+] Show Map

Azioni del documento

Commenti

Registrati subito
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Attualmente disponiamo di 33086 abbonati. Frequenza: 3-4 mail al mese.
Notifiche d'archivio
Seguiteci
 
 
 
 
 
Agenzia europea dell'ambiente (AEA)
Kongens Nytorv 6
1050 Copenaghen K
Danimarca
Telefono: +45 3336 7100