Strumenti personali

Notifiche
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Frequenza: 3-4 e-mail al mese.
Abbonamenti
Registrati per ricevere le nostre relazioni (in formato cartaceo e/o elettronico) e la nostra newsletter elettronica trimestrale.
Seguiteci
Twitter icon Twitter
Icona Facebook Facebook
Icona YouTube Canale YouTube
RSS logo RSS Feeds
Maggiori informazioni

Write to us Write to us

For the public:


For media and journalists:

Contact EEA staff
Contact the web team
FAQ

Call us Call us

Reception:

Phone: (+45) 33 36 71 00
Fax: (+45) 33 36 71 99


prossimo
precedente
voci

Vai ai contenuti | Vai alla navigazione

Sound and independent information
on the environment

Tu sei qui: Home / Sala stampa / Comunicati stampa / L'Europa soffre il caldo: il cambiamento climatico in cima all'elenco delle sfide ambientali

L'Europa soffre il caldo: il cambiamento climatico in cima all'elenco delle sfide ambientali

Cambia la lingua
Decisori politici, aziende e singoli devono intervenire adesso su una serie di questioni ambientali, altrimenti pagheranno a caro prezzo la loro inazione

COMUNICATO STAMPA - Bruxelles, 29 novembre 2005

L'Europa soffre il caldo: il cambiamento climatico in cima all'elenco delle sfide ambientali



Decisori politici, aziende e singoli devono intervenire adesso su una serie di questioni ambientali, altrimenti pagheranno a caro prezzo la loro inazione

I quattro anni più caldi sono stati il 1998, il 2002, il 2003 e il 2004. Nella sola estate del 2003 è scomparso il dieci percento dei ghiacciai alpini. Al ritmo attuale, tre quarti dei ghiacciai svizzeri si scioglieranno entro il 2050. L'Europa non assiste a cambiamenti climatici di questa portata da 5 000 anni, afferma una nuova relazione dell'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) di Copenaghen.

'L'ambiente in Europa - Stato e prospettive nel 2005', valutazione quinquennale di 31 paesi, fornisce una descrizione dell'ambiente europeo e segnala le sfide da raccogliere, tra le quali il cambiamento climatico è soltanto una. Destano infatti preoccupazione anche la biodiversità, gli ecosistemi marini, le risorse idriche e terrestri, l'inquinamento atmosferico e la salute. Per la prima volta, la relazione presenta un'analisi paese per paese con indicatori dei risultati e raffronti per tutti i partecipanti: i 25 Stati membri dell'Unione europea, più Bulgaria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Romania, Turchia e Svizzera.

La relazione afferma che la temperatura media dell'Europa è aumentata di 0,95 °C durante il XX secolo, aumento superiore del 35 % a quello medio globale di 0,7 gradi, e le temperature continueranno ad aumentare. L'Unione europea lo ha riconosciuto e si è prefissata l'obiettivo di limitare l'aumento globale della temperatura a 2 gradi oltre i livelli preindustriali.

'Non intervenendo in maniera efficace per alcuni decenni, a causa del riscaldamento globale le distese di ghiacci a nord si scioglieranno e da sud si accentuerà il fenomeno della desertificazione. La popolazione del continente potrebbe concentrarsi interamente nelle regioni centrali. Anche limitando l'aumento del riscaldamento globale all'obiettivo di 2 gradi stabilito dall'Unione europea, vivremo in condizioni atmosferiche assolutamente nuove per gli esseri umani. Occorre ridurre le emissioni in maniera più decisa', afferma Jacqueline McGlade, direttore esecutivo dell'Agenzia europea dell'ambiente.

Secondo la relazione, le precedenti normative comunitarie hanno funzionato. Abbiamo risanato acqua e aria, eliminato gradualmente alcune sostanze che impoveriscono lo strato di ozono e raddoppiato i tassi di riciclaggio dei rifiuti. Disponiamo inoltre di veicoli che inquinano meno; senza i miglioramenti sostanziali apportati dalle marmitte catalitiche negli ultimi vent'anni, alcune emissioni sarebbero superiori di dieci volte agli attuali livelli. Nondimeno, ci sono voluti dieci se non addirittura vent'anni per vedere i risultati di questi interventi, aggiunge la relazione.

Ora questi esempi di successi ambientali sono superati dai cambiamenti nei modelli individuali di consumo. Gli europei vivono più a lungo, ed è aumentato il numero delle persone che vivono sole, circostanza che esercita maggiori pressioni sullo spazio di vita. Tra il 1990 e il 2000, più di 800 000 ettari di terreno in Europa sono stati edificati, un'area che corrisponde al triplo della superficie del Lussemburgo. Ove tale tendenza dovesse confermarsi, la nostra area urbana raddoppierà in poco più di un secolo e, per salvaguardare le nostre risorse naturali, indica la relazione, è essenziale gestire lo sviluppo disordinato dell'urbanizzazione.

Spostandoci più lontano e più spesso, stiamo consumando le risorse naturali del pianeta ad una percentuale doppia rispetto alla media del mondo. Il trasporto è il fattore in più rapido sviluppo tra quelli che contribuiscono alle emissioni di gas a effetto serra e questa sarà la tendenza per il futuro prevedibile. Secondo le stime, il trasporto aereo, per esempio, dovrebbe raddoppiare da oggi al 2030. Di conseguenza, lasciamo un'impronta chiara al di fuori dell'Europa impoverendo le risorse naturali e danneggiando l'ambiente del mondo.

I sondaggi condotti da Eurobarometro dimostrano che più del 70 percento degli europei vuole che i decisori attribuiscano uguale peso alle politiche ambientali, economiche e sociali. Per tener conto di tali posizioni, la relazione sottolinea che i decisori politici devono lavorare di concerto gli uni con gli altri a livello europeo, nazionale e locale integrando le considerazioni ambientali in settori quali trasporti, agricoltura ed energia e creando un contesto all'interno del quale singoli e aziende possano agire.

'I decisori politici devono essere lungimiranti. Abbiamo bisogno di abbandonare progressivamente le tasse sul lavoro e gli investimenti a favore di tasse sull'inquinamento e l'utilizzo inefficiente di materiali e territorio. Ma abbiamo anche bisogno di riformare il modo in cui si applicano le sovvenzioni ai trasporti, all'edilizia abitativa, all'energia e all'agricoltura. Occorrono aiuti che incoraggino pratiche sostenibili e tecnologie efficienti', sostiene la professoressa McGlade.

'Introducendo i necessari incentivi, tali riforme comporteranno maggiori investimenti, innovazione e competitività. È già successo nel concreto in alcuni paesi e settori. Negli ultimi decenni, una tassazione pesante della benzina in Europa e standard normativi elevati hanno portato a veicoli che, dal punto di vista del consumo di carburante, sono risultati efficienti quasi il doppio rispetto ai veicoli che circolano sulle strade americane. Abbiamo visto qual è il costo dell'inazione in termini di vite umane e ambiente con esempi come l'esaurimento degli stock ittici, l'utilizzo dell'amianto negli edifici, le piogge acide e il piombo nella benzina. È meglio agire adesso per garantirsi il lungo periodo', conclude la professoressa McGlade.

Note per le redazioni:

Informazioni sull'Agenzia europea dell'ambiente (AEA): L'Agenzia europea dell'ambiente ha sede a Copenaghen. Scopo dell'Agenzia è contribuire a ottenere un miglioramento significativo e misurabile dell'ambiente in Europa mettendo a disposizione dei decisori politici e del pubblico in generale informazioni tempestive, mirate, pertinenti e affidabili.

Nell'ambito del suo mandato, l'Agenzia europea dell'ambiente esegue un'analisi completa dello stato dell'ambiente in Europa ogni cinque anni. 'L'ambiente in Europa - Stato e prospettive nel 2005' comprende:

  • Una valutazione integrata dell'ambiente in Europa contenente capitoli su:
    • ambiente e qualità della vita
    • territorio
    • cambiamento climatico
    • qualità dell'aria e salute
    • risorse di acqua dolce
    • mari e coste
    • suoli
    • biodiversità ed ecosistemi
    • ambiente e settori economici
    • prospettive future
  • Alcuni indicatori di base, ossia un numero ridotto di indicatori stabili che possono essere utilizzati per misurare l'efficacia delle politiche come, per esempio, i progressi compiuti verso gli obiettivi di Kyoto. A titolo esemplificativo, si possono citare le emissioni di gas a effetto serra. Gli indicatori forniscono informazioni tempestive e pertinenti in merito alle tendenze e alle dinamiche in atto nell'ambiente.
  • Un'analisi paese per paese fondata su nove indicatori di base. L'analisi fornisce un raffronto dei risultati nell'ambito di una 'Tabella di riferimento', supportato dalle informazioni fornite dai paesi stessi..

    Le analisi per paese sono state preparate in collaborazione tra i paesi e l'Agenzia europea dell'ambiente per fornire ulteriori punti di vista nazionali nelle analisi. La scelta degli indicatori inseriti nel quadro di valutazione spetta all'Agenzia europea dell'ambiente e non rispecchia necessariamente le priorità dei vari paesi. Per consentire di comprendere meglio i problemi a livello di ogni singolo paese, alcuni dati inseriti in tale ambito provengono da fonti nazionali e, pertanto, potrebbero non essere perfettamente raffrontabili ai dati raccolti da Eurostat, dall'Agenzia europea dell'ambiente o altri organismi internazionali. L'Agenzia europea dell'ambiente si assume la responsabilità del risultato finale.
  • Per i risultati del proprio paese, consultare la parte C della relazione.
  • Paesi coperti dalla relazione: I 25 Stati membri dell'Unione europea (Austria, Belgio, Cipro, Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito), nonché Bulgaria, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Romania e Turchia.


Collegamenti Internet


Per accedere alla relazione, si rimanda all'indirizzo Internet:
http://reports.eea.europa.eu/state_of_environment_report_2005_1/

Sintesi:
http://reports.eea.europa.eu/state_of_environment_report_2005_1/en/soer_files/IT-summary.pdf

Profilo nazionale:
Italia
Svizzera

Tabella di riferimento:
http://reports.eea.europa.eu/state_of_environment_report_2005_1/en/soer_files/IT-scorecard.pdf


Referenti

Per richieste di informazioni da parte
dei mezzi di comunicazione:


Brendan Killeen
Addetto stampa
Comunicazione e affari generali
Tel.: +45 33 36 72 69
Cell.: +45 23 68 36 71

Teresa Ruch Olsen
Addetto stampa
Comunicazione e affari generali
Tel.: +45 33 36 71 59
Cell.: +45 23 68 36 69

Marion Hannerup
Responsabile
Comunicazione e affari generali
Tel.: +45 33 36 71 60
Cell.: +45 51 33 22 43

For public enquiries:

EEA Information Centre

Enquiry form (English)


Geographical coverage

[+] Show Map

Azioni del documento

Commenti

Registrati subito
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Attualmente disponiamo di 33063 abbonati. Frequenza: 3-4 mail al mese.
Notifiche d'archivio
Seguiteci
 
 
 
 
 
Agenzia europea dell'ambiente (AEA)
Kongens Nytorv 6
1050 Copenaghen K
Danimarca
Telefono: +45 3336 7100