Strumenti personali

Notifiche
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Frequenza: 3-4 e-mail al mese.
Abbonamenti
Registrati per ricevere le nostre relazioni (in formato cartaceo e/o elettronico) e la nostra newsletter elettronica trimestrale.
Seguiteci
Twitter icon Twitter
Icona Facebook Facebook
Icona YouTube Canale YouTube
RSS logo RSS Feeds
Maggiori informazioni

Write to us Write to us

For the public:


For media and journalists:

Contact EEA staff
Contact the web team
FAQ

Call us Call us

Reception:

Phone: (+45) 33 36 71 00
Fax: (+45) 33 36 71 99


prossimo
precedente
voci

Vai ai contenuti | Vai alla navigazione

Sound and independent information
on the environment

Tu sei qui: Home / Sala stampa / Comunicati stampa / La responsabile dell'AEA afferma che è necessario che l'UE stabilisca degli obiettivi di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile per il 2020

La responsabile dell'AEA afferma che è necessario che l'UE stabilisca degli obiettivi di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile per il 2020

Cambia la lingua
Topics: ,
È necessario che l'Unione europea fissi gli obiettivi per l'utilizzo dell'energia rinnovabile, da raggiungersi per il 2020, allo scopo di contribuire alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra e garantire ai mercati dell'energia la sicurezza degli investimenti a lungo termine. Questo è quanto ha dichiarato oggi il direttore esecutivo dell'AEA, la Prof.ssa Jacqueline McGlade.

COMUNICATO STAMPA


Copenaghen/Bonn, 3 giugno 2004


La responsabile dell'AEA afferma che è necessario che l'UE stabilisca degli obiettivi di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile per il 2020


È necessario che l'Unione europea fissi gli obiettivi per l'utilizzo dell'energia rinnovabile, da raggiungersi per il 2020, allo scopo di contribuire alla riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra e garantire ai mercati dell'energia la sicurezza degli investimenti a lungo termine. Questo è quanto ha dichiarato oggi il direttore esecutivo dell'AEA, la Prof.ssa Jacqueline McGlade.


"La mancanza di sicurezza degli investitori in fonti di energia rinnovabili può comportare un ritardo nello smantellamento delle vecchie centrali elettriche basate sui combustibili fossili, rendendo in tale modo più difficile per l'UE di onorare gli impegni assunti in materia di riduzione delle emissioni che contribuiscono al cambiamento climatico", ha affermato la Prof.ssa McGlade in un discorso tenuto alla conferenza sulle fonti di energia rinnovabile che si svolge a Bonn, in Germania.


Essa ha inoltre ribadito che: "Le fonti di energia rinnovabile possono svolgere un ruolo nella riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra e nel raggiungimento di una maggiore sicurezza dell'approvvigionamento energetico. Tali benefici sono riportati negli obiettivi indicativi in materia di energia rinnovabile che l'UE ha stabilito per il 2010."


La Prof.ssa McGlade ha tuttavia affermato che gli obiettivi per il 2010 "non potranno essere raggiunti mantenendo gli attuali livelli di sostegno politico e finanziario", aggiungendo comunque che "il semplice fatto di aver fissato degli obiettivi ci ha consentito di raggiungere dei livelli più elevati di utilizzo di fonti di energia rinnovabile. Ritengo che si tratti di un messaggio positivo importante di cui dobbiamo tenere conto."


L'Agenzia europea dell'ambiente si propone di esaminare una serie di obiettivi relativi alle fonti di energia rinnovabile per il 2020 dal punto di vista ambientale allo scopo di sostenere i responsabili delle decisioni politiche dell'UE, ha affermato la professoressa.


Nel corso della conferenza la Prof.ssa McGlade ha presentato un nuovo studio sui sussidi energetici commissionato dall'AEA.


In tale studio si ritiene che l'UE e i governi dei 15 vecchi Stati membri spendano 5,3 miliardi di euro all'anno per sovvenzioni a favore delle fonti di energia rinnovabile. Tale importo è circa un sesto del volume complessivo dei sussidi concessi annualmente al settore dell'energia, che si ritiene siano di 29,2 miliardi di euro, ovvero lo 0,4% del prodotto interno lordo.


La produzione e il consumo di combustibili fossili godono di sussidi ben maggiori rispetto a quelli destinati alle fonti di energia rinnovabile, stimati a circa 21,7 miliardi di euro, ovvero oltre i due terzi dell'importo complessivo.


"Da una prospettiva ambientale, il livello di sostegno a favore dei combustibili fossili permane elevato" ha commentato la Prof.ssa McGlade. "Tuttavia, il sostegno alle fonti di energia rinnovabile è in costante aumento ed è attualmente più elevato, per unità di energia prodotta, rispetto al sostegno fornito ad altre fonti di energia."


"In tale contesto, sembra che i 15 Stati membri dell'UE abbiano riconosciuto che le fonti di energia rinnovabile costituiscano un'industria ancora poco matura con grandi necessità di sostegno tecnologico e di mercato."


La Prof.ssa McGlade ha inoltre rilevato che l'UE si è impegnata ad abbandonare i sussidi dannosi da un punto di vista ambientale. Per fare ciò, però, è opportuno giungere ad un accordo su cosa costituisca un sussidio energetico ed ha aggiunto che è anche necessario un sistema armonizzato di rendicontazione di tali sussidi poiché non sono disponibili dei dati coerenti in merito.


Il testo integrale del discorso della Prof.ssa McGlade è disponibile su http://org.eea.europa.eu/documents/speeches/03-06-2004

Lo studio dell'AEA sui sussidi energetici è disponibile su http://reports.eea.europa.eu/technical_report_2004_1/en


Note per gli editori:


  • I 15 vecchi Stati membri hanno concordato degli obiettivi nazionali indicativi relativi alle fonti di energia rinnovabili destinati ad attribuire a tali fonti, entro il 2010, una quota del 22% della produzione di elettricità dell'UE e del 12% del consumo energetico complessivo.

  • Una comunicazione della Commissione europea del 26 maggio conclude che, in base alle politiche esistenti e alle misure sviluppate dagli Stati membri, la quota di fonti di energia rinnovabile sarà solo del 18-19% nel 2010 mentre, in base alla legislazione sinora adottata, la percentuale di tali fonti rispetto al consumo complessivo di energia sarà al massimo del 10%. La Commissione sottolinea la necessità per gli Stati membri di accelerare gli sforzi per raggiungere gli obiettivi e comunica l'intenzione di promuovere ulteriori misure a livello UE a tale scopo.

  • Il Parlamento europeo e numerose parti interessate hanno proposto che l'UE allargata a 25 Stati membri stabilisca per il 2020 l'obiettivo del 20% per l'utilizzo di fonti di energia rinnovabile rispetto al consumo complessivo di energia. La Commissione europea si propone di esaminare tale proposta al più tardi entro il 2005 e di avviare nel 2007 un processo volto al fissare la quota relativa al periodo successivo al 2010.

  • La conferenza internazionale sulle fonti di energia rinnovabile di Bonn del 2004 è la prima importante conferenza sulle fonti di energia rinnovabile che si tiene dopo il vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile dell'agosto-settembre 2002. Ulteriori informazioni sono disponibili su http://www.renewables2004.de




Informazioni sull'AEA


L'Agenzia europea dell'ambiente è il principale organismo pubblico dell'Europa incaricato di fornire ai decisori politici e al pubblico informazioni corrette e indipendenti sull'ambiente. Operante a Copenaghen dal 1994, l'AEA è il fulcro della rete europea di informazione e osservazione ambientale (Eionet), una rete composta da circa 300 organismi sparsi in tutta Europa attraverso i quali essa raccoglie e divulga informazioni e dati in merito all'ambiente. L'Agenzia, che è un organismo dell'UE ed è aperta a tutte le nazioni che ne condividono gli obiettivi, è attualmente costituita da 31 paesi membri: i 25 Stati membri dell'UE, i tre paesi candidati all'UE (Bulgaria, Romania e Turchia), nonché Islanda, Liechtenstein e Norvegia. Sono in corso negoziati di adesione con la Svizzera.




Geographical coverage

[+] Show Map

Azioni del documento

Commenti

Registrati subito
Ricevi le notifiche sui nuovi rapporti e prodotti. Attualmente disponiamo di 32918 abbonati. Frequenza: 3-4 mail al mese.
Notifiche d'archivio
Seguiteci
 
 
 
 
 
Agenzia europea dell'ambiente (AEA)
Kongens Nytorv 6
1050 Copenaghen K
Danimarca
Telefono: +45 3336 7100